'Principessa Mafalda' - Lloyd Italiano - 1908

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

'Principessa Mafalda' - Lloyd Italiano - 1908

Messaggio Da Ciacio il Lun Giu 27, 2011 12:42 am

1908 -
































































































A sx 'Principessa Mafalda' a dx 'Indiana' o 'Florida' , no sòn sicuro ,... tanto còssa cambia !??







1918 -






































25 ottobre 1927





























Conseguenze :

Meno 314 o 657 ....dipendi dal cambio...del regime.





Meno 80 chili , chissà come, dove , chi ??



El piroscafo ‘Principessa Mafalda’ iera el gemel spudà del ancòra più sfigà ‘Principessa Jolanda’.
Un anno dopo la figura de mona fatta con el “varo e getta” della sorella monozigote , el ‘P.Mafalda’ vien messo in acqua con el minimo de sovrastrutture e calcolando un poco meìo la distribuzion dei pesi ,.... ammesso che per el ‘Jolanda’ stò calcolo sìa stà fatto !!
Baciando il mare nel 1908 , la nostra ‘Mafalda’ finissi l’allestimento e la xè pronta per el Gran Pavese nel marzo del 1909.
Armator el LLoyd Italiano , al tempo in màn del sig. Piaggio ( sì ..el bisnonno delle vespe !) el piroscafo xè destinà alla rotta per el Brasil e La Plata, in Argentina.
Lunga 145 metri , larga 17 , pesante poco meno de 10.000 tons , la nave che portava el nome de una principessa savoia menàva in giro pèl mondo quasi 1600 passeggeri , ùn crew de 290 persone e podeva permetterse quasi 18 nodi con 20.000 cavài vapòr in panza.
Grande lusso nei allestimenti interni , pecà che podeva gòderli solo i 300 ricchi e forti della I e II classe, …per i restanti 1200 Emigranti né lusso né un ..zzo .
Principessa Mafalda và su e zò per l’Atlantico per diciotto anni , solo una volta a New York per portar a casa una màniga de americani che gàveva paura della I guerra mondiale e per el resto.... sempre in Sudamerica.
A bordo xè stài : Marconi el genialoide, Toscanini el musico , Emanuele Filiberto di savoia el nulla , Pirandello el scriba …e tantissimi altri personaggi importanti o che doverà diventar importanti , come el sig. Bauli.. quel che gà inventà el pandoro e che xè restà vivo solo perché el gà visto filar in acqua l’elica con tutto l’asse !
Per motivi de contingenza la nave cambia bandiera nel 1918 mettendo i colori dell’N.G.I. , acronimo de Navigazione Generale Italiana , nòva società con una lauta partecipaziòn del sig. Bisnonno Piaggio .

Savendo che el C.te Ferdy và in giro con una nave ultraventenne ,fa un poco rider.. legger che el ‘Mafalda’ iera considerada vetusta ,poco affidabile e “ballerina” dopo solo quindici anni !
Probabilmente la ragion de stì rumors trovava spazio per l’italica conduziòn della neonata N.G.I.

Strucàr la rava fìn che no vìen fòra sangue !
Parlemo de 150.000 emigranti all’anno e un introito de milioni de £ire in biglietti della Speranza.
Inutile buttàr vìa soldi per la manutenziòn e per navigàr in sicurezza , tanto sarà presto pronte le nove barche !
Bèn sa una delle ns Simie quanto costa mantignir efficiente una portacontainer , immaginemose le spese per una ‘passeggeri’. ( sì ..xè vero ..quella volta non iera l’euro e nanche el R.I.N.A. !!)

11 ottobre 1927
Partenza da Genova con 6 ore de ritardo per problemi in macchina e ottanta kili de oro (250.000 £ )de consegnarghe alle autorità argentine a La Plata per compensàr l’accoglimento dei nostri Emigranti in quel ..zzo de posto.
Traversata dell’Atlantico con 6 (chi dìsi 8 ) panne, ...ma solo con la caldaia de sinistra.

25 ottobre 1927
Verso le cinque e mezza de dopopranzo.... grande casìn , sé sfila l’asse dell’elica sinistra e non sé riva a seràr le porte stagne , forsi perché le iera troppo rùzzini e mancava le seradure .
Cinque ore de agonia , 314 morti secondo el ministro delle comunicazioni sig. Costanzo Ciano , per le autorità brasiliane le vittime xè stade 657 .
Nissùn sà niente dei 80 Kg de oro per i Emigranti ,
el xè affondà ?
El xè stà messo al sicuro ?
El xè mai partì?

Per concluder la jattura de stà nave e della sorella gemella … a Trieste , nel stesso periodo xè n’dà fondo un piccolo piroscafo che sé ciamava proprio “Principessa Mafalda” , de cui gò solo una foto che posterò più avanti.

Esisti una bibliografia sul disastro della “Principessa Mafalda” , xè adirittura un libro che paragona el naufragio de Mafalda con el Titanic.
Solo nel titolo però ….infatti el Titanic gaveva la sindrome della sfiga e iera un transatlantico nòvo de pàca , Mafalda subìva la sindrome cialtrona (zà quela volta) e iera una vecia zavàtta.

Per i subaqui che xè interessài , gò stimà che el relitto pien de oro (cucù) e de vergogna , dovessi trovarse a una profondità intorno ai 1300-1400

Lat. 16°48'18'' S
Lon. 37°43'16'' O

P.S. i calcoli li gò fatti con un scalimetro Tecnostyl a sei misurazioni , considerando tutte le derive dovude alle correnti, su un atlante geografico De Agostini del 1962 e dopo aver stappà una fiaschetta de Teroldego.
Forsi per trovar i 80 kg de oro xè meio far una seduta spiritica e chieder del sig. Piaggio! (bisnonno)










avatar
Ciacio
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 2320
Età : 62
Luogo di residenza : trieste
Data d'iscrizione : 01.03.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum